Il primo portale con tutte le Sagre dell'Emilia       
Torna alla Home
Chi siamo | Collabora | Segnalaci una Festa | Acquista | Ufficio Stampa
Iscrizione alla Newsletter: danza del ventre
domenica 20 aprile 2014

 
CALENDARIO COMPLETO
DI TUTTE LE SAGRE
E FESTE DEL 2013

Acquista la Guida 2011

A Cesena Cesenatico 365 Tippest

Gennaio

Aprile

Giugno

Luglio

Agosto

Settembre

Ottobre

Novembre

Dicembre

PRODOTTI TIPICI

(frutta e verdura)
 
Aglio di Voghiera
Pianta erbacea con bulbo a spicchi tipico della zona del comune ferrarese, largamente utilizzato per insaporire le specialità della cucina tradizionale. E’ utilizzato anche per insaporire il salame all’aglio ferrarese.
Albicocca
Prodotto frutticolo fresco dalle ottime qualità nutrizionali, che trova in Romagna le condizioni ideali per esprimere le sue qualità organolettiche. Frutto coltivato in particolare nella vallata bolognese del Santerno, con alcune varietà tipiche del luogo.
Asparago verde
Ortaggio ampiamente coltivato nelle zone basse sabbioso-argillose del ferrarese (Mesola) e del bolognese (Altedo), ricco di sali minerali e di aromi organolettici, è ingrediente completo e gustoso di numerose preparazioni culinarie.
Castagna e Marrone
Antichi frutti ottenuti dai castagneti delle zone appenniniche regionali, adatti al consumo fresco, conservato o dei derivati dalle loro farine. Numerosissime sono le varietà sia di castagne che di marroni in ambito regionale. Si citano qui le castagne di Montefiore (Rn), di Zocca (Mo), di Monte San Pietro (Bo) e i marroni di Campora (Pr), di Casola Valsenio (Fc) e quelli, rinomati e con marchio IGP, di Castel del Rio (Bo).
Ciliegia
Frutto saporito e rinomato, diffuso in tutta la regione con numerosissime varietà e tipologie di impianto. Le più famose sono quelle di Vignola (Mo), con 7 cultivar diverse, ma ottime sono anche quelle delle colline forlivesi-cesenati attorno a Castrocaro Terme, Civitella e Roncofreddo.
Fragola
Rosso e prelibato frutto molto diffuso e coltivato in particolare nella Romagna (colline riminesi) e nelle terre basse bolognesi e ferraresi. A Lagosanto (Fe) rilevante l’attività vivaistica delle piantine di questo frutto.
Fungo porcino
Cresce spontaneamente nei boschi di latifoglie o conifere di tutta la fascia appenninica regionale. Comprende le varietà di Boletus aestivalis, pinicola, aereus ed edulis. Rinomato il fungo porcino di Borgotaro, dotato di marchio IGP, che si raccoglie nell’alto parmense ai confini con Liguria e Toscana.
Nettarine di Romagna
Detta anche pesca-noce, è un prodotto frutticolo fresco a marchio IGP ottenuto da diverse varietà a polpa gialla e bianca. Le tecniche di produzione tradizionali si abbinano spesso a quelle biologiche nelle zone di produzione della Romagna e delle province di Bologna e Ferrara
Patata
Tubero diffusissimo e coltivato in tutta la regione, dalla pianura alla collina a talune aree appenniniche, in diverse varietà precoci o tardive. Qui si ricordano le patate del piacentino (Vernasca), del parmense (Bedonia), del bolognese (Tolè) e del riminese (Montescudo). La patata è alla base di numerose preparazioni culinarie, dai primi ai secondi, fino ai dolci.
Pera dell'Emilia Romagna
Prodotto frutticolo fresco a marchio IGP ottenuto dalle varietà: Abate Fetel, Cascade, Conference, Decana del Comizio, Kaiser, Max Red Bartlett, Passa Crassana e Williams. Spesso ottenuta con tecniche di lotta integrata e biologica, la pera IGP viene prodotta nelle terre basse di 5 province emiliano-romagnole.
Pomodoro
Coltivazione diffusa in tutta la regione, con particolare concentrazione nel piacentino e nel parmense. Se ne ricava il doppio concentrato (l’antica “conserva”) o la più moderna “passata”. Entrambe trovano un largo uso in cucina per la preparazione di sughi e condimenti.
Tartufo
Ricercato ingrediente dell’alta gastronomia, è un fungo ipogeo tuberiforme diffuso in tutta l’area collinare e appenninica regionale e nelle pinete, nei saliceti e nelle ultime foreste ripariali delle terre basse. Ne esistono diverse varietà stagionali: il bianco pregiato, il bianchetto o marzuolo, il nero scorzone, il nero uncinato e il nero liscio. Noti in regione il tartufo bianco di Savigno (Bo), di Dovadola (Fc) e di S.Agostino (Fe), il tartufo nero di Fragno (Pr) e quello dei colli riminesi.
Susina
Prodotto frutticolo fresco abbastanza diffuso in regione. Viene coltivata in particolare nell’area di Vignola (Mo), in parte della pianura modenese e in alcune zone collinari fra Imola e Cesena. Le cultivar sono soprattutto di tipo cino-giapponese, preferite dal mercato rispetto a quelle tradizionali europee (prugne).
Tondina di Tossignano
Piccola albicocca dal sapore particolarmente dolce da consumare subito dopo la maturazione. Coltivata anticamente in questa zona della Val Santerno, oggi ne rimangono pochissime piante in un fondo nelle campagne sopra Tossignano (Bo).





     
@ Copyright 2001 Media Consulting