Il primo portale con tutte le Sagre dell'Emilia       
Torna alla Home
Chi siamo | Collabora | Segnalaci una Festa | Acquista | Ufficio Stampa
Iscrizione alla Newsletter: danza del ventre
domenica 20 aprile 2014

 
CALENDARIO COMPLETO
DI TUTTE LE SAGRE
E FESTE DEL 2013

Acquista la Guida 2011

A Cesena Cesenatico 365 Tippest

Gennaio

Aprile

Giugno

Luglio

Agosto

Settembre

Ottobre

Novembre

Dicembre

PRODOTTI TIPICI

(Minestre pasta e dolci)
 
Anolini
Tipici di Parma e Piacenza, sono piccoli “sacchettini” di pasta sfoglia ripiena, tagliati con uno stampino tondo e dentellato. Il ripieno è normalmente di carne di manzo, pangrattato, formaggio grana, uova e noce moscata.
Amaretti di Spilamberto
Gustosi dolcetti da forno a base di mandorle, zucchero e albume d’uovo, tipici della località modenese da cui prendono il nome. Dopo la cottura, opportunamente lasciati raffreddare, assumono una notevole morbidezza al palato. Ottimi con una goccia di aceto balsamico tradizionale.
Biscione
Dolce natalizio reggiano di preparazione complessa, anche se composto di ingredienti semplici: uova, mandorle dolci, zucchero e frutta candita. Viene realizzato nella classica forma “ a serpente”, a volte anche molto lungo e a fauci spalancate, e poi cotto in forno.
Borlengo o Burlengo
Preparazione antica e tipica di una ristretta area collinare-montana fra le province di Modena e di Bologna. Si tratta di una sottilissima e croccante sfoglia rotonda, ottenuta da un impasto fluido di farina, acqua e sale, cotta in un’apposita padella di rame. Viene condita con lardo o salsiccia, aglio e parmigiano grattugiato e servita ripiegata su sé stessa. A seconda della zona, può assumere il nome di “zampanella”.
Burtleina
Particolare focaccia fritta della tradizione piacentina, fatta con farina, sale, strutto e a volte uova, da consumare con formaggi, salumi o marmellate.
Cappellacci
Grossi tortelli tipici ferraresi, ripieni di zucca, pangrattato e parmigiano-reggiano, realizzati con qualche variante rispetto alla ricetta dei noti “cugini” mantovani.
Cappelletti
Pasta all’uovo avvolta “a cappello” con un ripieno di carne, prosciutto e formaggio. Rappresentano la variante reggiana e romagnola dei tortellini. Variabili nelle forme e nel contenuto da zona a zona, anch’essi vengono serviti in brodo oppure asciutti.
Castagnaccio
Prodotto derivante dalla farina di castagne, diffuso in tutta la regione con diverse ricette di preparazione. Nel reggiano è rappresentato da una frittella di farina, strutto, latte, sale e buccia d’arancio tritata. Nel forlivese si usano anche la buccia di limone, fichi, pinoli, noci e uvetta. In altre zone il nome sta ad indicare una sorta di focaccia cotta fra testi metallici, da consumare con formaggi, latticini o coppa di testa di maiale.
Chisòla
Tipica focaccia piacentina arricchita con i ciccioli.
Chizza
Variante reggiana dello gnocco fritto modenese, arricchita con ripieni di verdure, prosciutto o formaggi.
Ciambella
Classica torta col buco della tradizione emiliano-romagnola di preparazione molto semplice: un impasto di farina, burro, zucchero, uova, latte e lievito, messo a cuocere in forno nella classica teglia ad anello imburrata. Ottima da intingere nel vino passito.
Colombina o Pinza di Bologna
Tradizionale ciambella bolognese delle festività natalizie, costituita da una stesa di pasta frolla a strati farcita di mostarda di mele cotogne, uva sultanina, noci, mandorle tritate e pinoli. Viene cotta in forno.
Coppia Ferrarese
La dialettale “ciupeta” è l’unico pane regionale a fregiarsi del marchio IGP. Ottenuto con farina di grano tipo “O”, si presenta con un corpo centrale tozzo, da cui si dipartono quattro corna ritorte e affusolate. E’ un pane particolarmente croccante e con poca mollica.
Crescentina o Tigella
Detta ormai comunemente “tigella”, dal nome dell’antico testo in terracotta utilizzato per la cottura, la crescentina è una focaccina rotonda e spessa, ottenuta da un impasto di farina di grano, acqua e sale. Pane antichissimo dell’area montana modenese-bolognese, viene consumato con lardo e parmigiano, oppure farcito con salumi e formaggi.
Erbazzone
Torta salata tipica della cultura contadina reggiana, è un prodotto della panetteria a base di pasta sfoglia ripiena di spinaci, cipolla, aglio, pangrattato e parmigiano-reggiano.
Gnocco fritto
E’ ottenuto da un impasto di base fatto con farina, acqua e sale, da cui si ricava una sfoglia piuttosto spessa che viene tagliata a pezzi triangolari o romboidali, poi fritti nello strutto. Si accompagna benissimo con salumi e formaggi. Tipico dell’area modenese-bolognese, in altre zone regionali assume varianti e nomi diversi.
Lasagne alla bolognese
“Fogli” di pasta gialla (all’uovo) o verde (con gli spinaci) conditi con strati di ragù di carne alternati a besciamella e parmigiano e poi cotti in forno. Nelle zone appenniniche si gustano arricchite anche da funghi e tartufi.
Maltagliati
Tagli a losanga di pasta sfoglia all’uovo cucinati, secondo tradizione, nel brodo fatto con i fagioli, a volte arricchito con cotiche di maiale.
Mandorlini del ponte
Tipico dolcetto della località di Pontelagoscuro, sulle rive del Po nelle vicinanze di Ferrara, realizzati con mandorle intere.
Pampepato
Ciambella dolce natalizia (ma oggi prodotta tutto l’anno) d’origine estense fatta con farina, zucchero, cacao, canditi, caffè e mandorle. Dopo la cottura in forno viene bagnata con un liquore particolare e poi ricoperta di cioccolato fondente.
Pasticcio di maccheroni
Sontuoso piatto tipico di Ferrara del periodo di Carnevale, composto da maccheroncini conditi con ragù di carni miste, funghi, tartufo e besciamella contenuti in un involucro di pasta frolla indorato al forno.
Pisarei e Fasò
Tipicissimo piatto piacentino costituito da gnocchetti di farina, pangrattato e acqua, conditi con sugo di pomodoro e fagioli.
Polenta
Specialità tipica delle zone montane dell’intera regione, realizzata con farina gialla di granturco, condita con ragù di carne o spesso con fagioli cotti nel lardo, oppure accompagnata a umidi di cacciagione. Ottima anche la polenta realizzata con farina di castagne, da consumare con formaggi, latticini, uova al tegame, lardo, pancetta o coppa di testa di maiale.
Raviole
Tipico dolcetto “a sacchettino” ripieno di marmellata casalinga, derivante da una sfoglia realizzata con farina, uova, burro, zucchero e lievito. Spennellate di alchermes con un po’ di granella di zucchero, le raviole vengono poi cotte in forno.
Spongata
Dolce fatto con miele, mandorle, pinoli o noci, uva sultanina e spezie. Di forma piatta e rotonda, viene cotto al forno e poi spolverato con zucchero a velo. Il ciclo di produzione è piuttosto lungo, nel rispetto della tradizione arcaica reggiana.
Tagliatelle
Classico piatto della tradizione emiliana, è costituito da “striscie” dalla forma allungata e piatta, derivate dal sapiente taglio a mano della pasta sfoglia. Sono condite nei modi più diversi, ma la tradizione le vuole con il ragù di carne “alla bolognese”.
Streghette d'Imola
Quasi un cracker nostrano fatto con farina, olio extra vergine d’oliva e lievito di birra. La pasta viene tirata sottilissima e poi cotta nei padelloni dopo averla tagliata in piccoli quadretti. Si servono con un po’ di sale in superficie.
Topino
Tipico biscotto ferrarese della ricorrenza di Ognissanti a forma di topino, fatto con il classico impasto della ciambella e due chicchi di uva sultanina per definire gli occhi. Viene realizzato in diverse varianti, ricoperto al cioccolato oppure alle mandorle.
Torta Barozzi
Tipicissimo e rinomato dolce al cioccolato di Vignola (Mo), ideato un secolo fa, la cui ricetta rimane ancora segreta, custodita dall’unica pasticceria del centro storico che la produce artigianalmente. Gli ingredienti sono noti: uova, cioccolato fondente, cacao, caffè, zucchero, burro, rhum, mandorle e arachidi tostate. Il segreto sta nelle proporzioni, nella lavorazione e nella cottura.
Torta Boiardo
TORTA BOIARDO Tipico dolce al cioccolato di Reggio Emilia, creato a Scandiano in occasione del cinquecentenario della morte di Matteo Maria Boiardo, autore dell’Orlando Innamorato. Fatta con burro, uova, farina, cioccolato e gherigli di noce, si presenta ricoperta di zucchero a velo.
Torrta di riso
Dolce tipico bolognese del periodo pasquale, realizzato con riso bollito nel latte, uova, zucchero, mandorle tritate, buccia d’arancio o limone grattugiata. Viene cotto in forno.
Torta ricciolina o di tagliatelline
Dolce da forno diffuso nel ferrarese e nel bolognese a base di pasta frolla con mandorle, limone, liquore di mandorle amare e le classiche tagliatelline di pasta sfoglia fatta con uova e farina.
Tortellini
Famosa e tradizionale pasta all’uovo bolognese avvolta a forma di “ombelico di Venere” con un ripieno di carni di maiale, prosciutto, mortadella e parmigiano. La tradizione vuole che vengano cotti in brodo di cappone o di manzo, ma si possono consumare anche asciutti.
Tortelli e Tortelloni
Grandi involti di pasta fresca ripieni di erbe e formaggio fresco in Romagna, di zucca nella Bassa oppure di bietole, spinaci e ricotta nel nord Emilia. Sull’Appennino si trovano anche con ripieni di patate o di castagne.
Zuccherini Montanari
ZUCCHERINI MONTANARI Preparazione dolciaria di forma rotonda col buco in mezzo, fatta di pasta frolla candita, tipica dell’area montana bolognese. La tradizione vuole che siano offerti ai pranzi di matrimonio.





     
@ Copyright 2001 Media Consulting