XV Giostra del Monaco

dal 22 agosto al 1 settembre 2019
Ferrara (FE)
MAPPA E INFORMAZIONI
XV Giostra del Monaco

Undici intense giornate, riconosciute dalla Regione Emilia-Romagna tra gli eventi storici della Regione, per conoscere e rivivere il Medioevo Ferrarese attraverso le atmosfere, i colori, i costumi, i sapori e le gesta del passato, dal 22 agosto al 1° settembre, sul Baluardo di Santa Maria alla Fortezza in Viale IV novembre, là dove sorgeva intorno all’anno 1000 il Castel Tedaldo, primo castello ferrarese.
A disposizione dei visitatori, tutti i giorni dalle 18.30 ed il sabato e la domenica dal mattino, un grande campo militare, con tende Medievali, popolate da abili Capitani d’Arme, militi e scudieri, ma anche maniscalchi, fabbri e falegnami.

Per tutta la durata della Festa, tanti eventi in un programma intenso e accattivante ricco di incontri culturali, musiche, danze, rappresentazioni teatrali, giochi e canti con trovatori e giullari, rievocazioni di imprese militari, bandiere, focoleria e le tante specialità culinarie ferraresi, i cappellacci e le paste ripiene, le paste in crosta, le misticanze, le carni ed il bastone del Monaco, il tipico pane ritorto, gli insaccati, i dolci della tradizione ed i vini delle sabbie e delle nebbie.

Tanti gli spazi dedicati, la Contea dei giochi, con laboratori, cantastorie, antichi giochi, tiro con l’arco per bambini, danza, magici giullari e focolieri, esibizioni di scherma antica, tornei di arco e balestra, sfide cavalleresche a cavallo e battagliole accompagneranno i visitatori calandoli nel magico clima dell’evo di mezzo fino alla rievocazione della battaglia di Cassano d’Adda, dove AZZO VII, sconfiggendo Ezzelino da Romano, divenne il primo Estense Signore di Ferrara.

I Cavalieri dell’Aquila Bianca si sfideranno, in armatura con la lancia e con la mazza, nella classica Giostra del Monaco, che deve la sua denominazione all´eterno nemico della casa d´Este: il ghibellino Ezzelino da Romano detto il “Monaco” da quando, in tarda età, si ritirò a vita conventuale.

La sfida è tra i cavalieri rappresentanti le tre città dell´Aquila bianca Este, Ferrara e Grottazzolina che, dopo il cerimoniale e l’accreditamento dell´Araldo, dovranno colpire con la mazza ferrata il bersaglio, tre scudi in gesso di diversa grandezza, posti a circa tre metri d´altezza su una speciale “forca”, recanti l´effige dell´Aquila nera simbolo di Ezzelino, il Monaco, al termine della Giostra, il Cavaliere che avrà guadagnato più punti verrà proclamato ed acclamato novello “Paladino Estense”.